Circa 100 milioni di russi visitano almeno uno dei social network ogni giorno. Facebook, Twitter, YouTube e Odnoklassniki sono tra le piattaforme più visitate, ma solo una di esse è in cima alla classifica della Federazione Russa: VKontakte (vk.com).

Dalla sua creazione nel 2006, VKontakte è diventato un gigante dei social network, con una popolarità che trascende i confini del territorio russo. Il numero di visitatori internazionali è di oltre 460 milioni, contro i 70 milioni della Russia. Ma cos’è VKontakte e perché Facebook e altri giganti del settore hanno motivo di temerlo?

VKontakte, il social network numero 1 in Russia

Quali sono i siti web più visitati nella Federazione Russa? Yandex e VKontakte. Ma questa piattaforma non è solo il secondo sito più visitato in un paese di 143 milioni di abitanti (2017): è anche il social network più utilizzato in Russia, davanti a Odnoklassniki, Facebook e Twitter.

Anche se Facebook ha una versione tradotta per questo pubblico, uno studio condotto presso l’Università Henrich Heine di Düsseldorf (Germania) ha rivelato che gli utenti russi ritengono che il social network VKontakte sia di gran lunga superiore a quello di Mark Zuckerberg, evidenziando aspetti specifici, come la facilità d’uso, la sicurezza o l’intrattenimento, come le qualità più apprezzate di VKontakte.

Anche se molti considerano VK come il Facebook russo, il target di questa piattaforma è molto diverso. Mentre la pagina Zuckerberg ha per lo più utenti over 35 (in gran parte a causa dell’impatto di Instagram e Snapchat su un pubblico di 20-30 anni), il profilo utente di VKontakte ha meno di 30 anni. Questo può essere spiegato, in parte, perché questo social network facilita maggiormente la condivisione di file audio e video, con regole di copyright più flessibili – in VKontakte è possibile trovare film in diverse lingue e rimanere a lungo nei loro server prima che vengano rimossi.

L’altra notevole differenza tra Facebook e la sua controparte russa è la dinamica delle amicizie, perché nel primo social network è possibile aggiungere amici senza che entrambi debbano conoscersi: in teoria, VKontakte favorisce le amicizie ‘vere’. VKontakte ha anche un pulsante ‘Mi piace’ che è sospettosamente simile a quello di Facebook, anche se i suoi sviluppatori lo negano.

VKontakte, in dati

Uno sguardo alle cifre di VKontakte evidenzia il successo di questo social network all’interno e all’esterno del territorio russo:

  • VKontakte ha 400 milioni di utenti registrati. Il numero di persone che si collegano mensilmente a questo social network è di 90 milioni, niente di meno.
  • Oltre ad essere il social network più visitato in Russia, si posiziona al settimo posto nella classifica mondiale del traffico offerta da SimilarWeb, mentre per Alexa si colloca al quindicesimo posto.
  • L’80% degli utenti di VKontakte hanno meno di 34 anni, un pubblico relativamente maturo rispetto ad altri canali sociali.
  • Gli utenti di VKontakte sono particolarmente sensibili agli annunci di moda, salute, gadget e turismo. Gli inserzionisti di abbigliamento e accessori moda godono di tassi di conversione molto elevati, fino al 40%.
  • Le ambizioni espansionistiche di VKontakte hanno portato i suoi sviluppatori a tradurre la piattaforma in italiano, armeno, inglese, ucraino, portoghese, tedesco, cinese, polacco, ungherese, slovacco, serbo, greco, rumeno e persino esperanto, tra gli altri.

Pavel Durov, il Zuckerberg russo dietro VKontakte

Anche se il social network VK è chiaramente ispirato a Facebook e ha preso in prestito molte delle sue idee (VK Live è basato su Facebook Live, ovviamente), nelle sue origini ha cercato di correggere molti degli errori che questa piattaforma aveva quando venne lanciata, con infiniti bug (errori di programmazione).

Per Yuri Sinódov, fondatore di Roem.ru, Facebook “ci metteva troppo nei tempi di caricamento” e la sua usabilità mobile “era scomoda”. Questa insoddisfazione è stata un fantastico “terreno di coltura” per far sì che VKontakte fosse accolta molto bene dal pubblico russo, come lo è stato subito dopo il suo lancio il 19 gennaio 2007.

Pavel Durov, che attualmente è CEO di Telegram e accumula una fortuna di 260 milioni di dollari, è stato il “padre” di VKontakte. Tutto è iniziato con una serie di beta test nel settembre 2006, poco dopo la laurea all’Università Statale di San Pietroburgo. Dopo aver acquisito il dominio VKontakte.ru, è stato pubblicato ufficialmente, rivolgendosi solo ai circoli universitari e con un requisito molto sfortunato: quello di dover ricevere un invito per aprire un conto, il che ha limitato la sua espansione nelle prime fasi della sua crescita.

Tuttavia, queste ed altre imperfezioni sono state corrette nel corso degli anni, imparando, da brutte esperienze, che la sicurezza doveva essere uno dei pilastri del successo di VKontakte (nel 2007 ha subito un attacco DDoS che paralizzò la piattaforma), fino a superare il suo rivale più vicino, Odnoklassniki, nel 2008.

Quali sono le caratteristiche più notevoli di VKontakte?

Sia il design che le funzionalità del social network VKontakte mantengono evidenti somiglianze con Facebook, quindi gli utenti che hanno familiarità con questa piattaforma avranno molto terreno guadagnato in VK.

Tuttavia, VKontakte si distingue per aspetti come la messaggistica, in quanto i messaggi privati possono essere scambiati tra gruppi di 2-500 persone. Ogni messaggio può anche contenere fino a dieci allegati (foto, video, audio e persino mappe).

Gli utenti di VKontakte possono pubblicare sul muro del loro profilo, senza alcuna limitazione, ad eccezione degli allegati (massimo 10), ed è consentito l’uso di menzioni, hashtag, video, foto, documenti, ecc. Come se non bastasse, ha un motore di raccomandazione di notizie e di ricerca globale in tempo reale.

Le comunità di VKontakte sono varie, classificate in Gruppi (costituiti da forum di discussione), Eventi (ideali per concerti e incontri culturali, musicali, ecc.) e Pagine Pubbliche (che ricordano le pagine Facebook, destinate a marchi e celebrità).

Come abbiamo avvertito, il social network VK ha una propria versione del pulsante ‘Mi piace’, usato in tutte le reti, a volte come un cuore e altre volte come un pollice in alto. VKontakte utilizza un pulsante con l’icona della piattaforma e l’etichetta мне нравится (o Like). Gli utenti devono anche premere un secondo pulsante per condividere i contenuti con i loro amici, in quanto l’opzione “Mi piace” non ha questa opzione ad essa associata.

Tuttavia, la sincronizzazione di VK con altri canali sociali è tutt’altro che brillante. Mentre è possibile integrare Facebook e Twitter e utilizzare i servizi di messaggistica SMS, piattaforme come Instagram hanno un forte veto in VKontakte. La causa di questa piccola censura sta in una questione di interesse, dato che VK ha lanciato nel 2014 una versione russa di Instagram, Snapster, che è naturalmente un clone dal capo ai piedi.

Infine, le opzioni di privacy di VKontakte non hanno nulla da invidiare a quelle di Facebook, soprattutto dopo gli scandali di questo social network negli ultimi anni (vedi ‘Facebook Gate’). Gli utenti di VK possono controllare la visibilità dei propri dati personali e dei contenuti su Internet, avendo un processo di cancellazione dell’account simile a quello di Facebook.

VKontakte, un social network dove gli inserzionisti sono benvenuti

Il modello di business di VKontakte si basa principalmente sulla pubblicità, e i marchi e le aziende sono liberi di creare un account inserendo una e-mail e un numero di telefono cellulare, richiedendo l’invio di un codice di attivazione, un processo che mira a prevenire possibili frodi.

In generale, i prezzi degli annunci variano a seconda della categoria e della qualità del pubblico a cui sono indirizzate le campagne pubblicitarie. Gli inserzionisti di VK, e tutti i loro utenti, hanno un numero limitato di opzioni e mezzi per fare pubblicità: sul sito, nelle comunità, nella sezione news o nelle trasmissioni VK Live, tra gli altri.

Come non potrebbe essere altrimenti, il pubblico potenziale e il suo target sono diversi in ciascuno di questi spazi. Ad esempio, VK Live può essere utilizzato solo su dispositivi mobili, il che significa che il potenziale consumatore è un utente mobile, probabilmente giovane e nativo digitale.

Che sia o meno una replica russa di Facebook, il social network VKontakte ha dimostrato il suo dominio nel settore dei social network, dove continuerà ad espandersi in nuovi segmenti, come le applicazioni di messaggistica, in quanto i suoi sviluppatori hanno annunciato il lancio del proprio Messenger, secondo The Kozweek.