Attualmente il 70% degli utenti, quando naviga da computer o dispositivo mobile, non completa il processo di acquisto e abbandona il carrello. Chiunque abbia un e-commerce si chiede sicuramente quali siano le cause di questo abbandono.

Secondo uno studio realizzato dall’Istituto Baymard e commissionato da Amazon Pay, uno dei motivi è l’obbligo di creare un account. Il 34% degli utenti infatti preferisce non crearlo quando fa acquisti sui siti di e-commerce.

Qual è la soluzione? Permettere agli utenti di pagare senza registrarsi!

In questo rapporto vengono presentate delle soluzioni concrete che vi aiuteranno a migliorare il processo di pagamento e a soddisfare le esigenze degli utenti riducendo così l’abbandono del carrello.

Scarica il rapporto

Ottimizzazione dei pagamenti su dispositivi mobili: una condizione fondamentale per stimolare le vendite

Nel processo di pagamento dei vari siti di e-commerce si riscontrano in media 39 problemi di utilizzo: è quindi necessario ottimizzare i pagamenti sui dispositivi mobili e guidare al meglio gli utenti nel processo di acquisto.

Tra i vari motivi che spingono gli utenti a non finalizzare l’ordine vi sono per esempio la lunghezza del processo di pagamento, la mancanza di informazioni sulle spese o sull’importo totale, o ancora la mancanza di fiducia.

L’ottimizzazione del processo di pagamento può permettere di recuperare oltre 260 miliardi di euro persi a causa dell’abbandono del carrello e aumentare il tasso di conversione del 35%.

Grazie a questo rapporto potrete trovare delle soluzioni ai diversi problemi che incontrano i vostri clienti nel processo di acquisto e migliorare la loro esperienza di pagamento sull’applicazione o sul sito web in versione mobile.

 

Volete scoprire come ottimizzare il processo di pagamento su dispositivi mobili e ridurre notevolmente il tasso di abbandono del carrello? Allora scaricate subito l’e-book sull’ottimizzazione dei pagamenti su dispositivi mobili!

 

1 Studio Checkout optimisation & reducing abandonments realizzato dall’Istituto Baymard nel 2017