Uno dei principi guida più importanti di Amazon Pay è l’estremo orientamento al cliente. In quanto tale, il fornitore del servizio di pagamento è costantemente alla ricerca di modalità per comprendere al meglio le esigenze dei clienti, integrando queste informazioni nell’evoluzione dei propri prodotti e funzionalità, al fine di soddisfare nel modo migliore tali esigenze e offrire al cliente un’esperienza piacevole. 

Nel 2019, Amazon Pay ha condotto un sondaggio chiedendo ai clienti Amazon quali vantaggi fossero importanti per loro nella scelta di un servizio di pagamento digitale come Amazon Pay, rispetto ai servizi di pagamento tradizionali come le carte di credito.[1] I 10 principali vantaggi emersi dal sondaggio riguardavano principalmente temi come la sicurezza, la garanzia sull’acquisto, la fiducia e la comodità. Nell’articolo di oggi, spiegheremo in che modo Amazon Pay soddisfa queste esigenze.

Ecco le caratteristiche principali[2], in ordine di importanza.

Supporta transazioni attraverso canali multipli

Un sondaggio condotto da Amazon Pay ha rilevato che i consumatori sono pronti per le esperienze d’acquisto multicanale (cioè articolate fra e-commerce, m-commerce, negozi fisici e commercio vocale): il 42% degli intervistati si è infatti detto propenso a viverne una nei prossimi tre anni.[3] Consapevoli di questo trend, le aziende sono alla ricerca di servizi di pagamento digitale che consentano ai consumatori di interagire con il brand attraverso il canale che preferiscono.

Con Amazon Pay, i consumatori possono usare le proprie credenziali di accesso Amazon e i dati di pagamento presenti nel proprio account Amazon per fare acquisti in negozi online esterni ad Amazon, attraverso qualsiasi canale. Abbinato ad Alexa, Amazon Pay offre inoltre ai clienti la possibilità di usufruire di un percorso d’acquisto basato sul canale vocale.

“In un mondo sempre più connesso, dove i nostri clienti cercano un’esperienza fluida fra vari canali e dispositivi, poter innovare con Alexa attraverso Amazon Pay è per noi un enorme vantaggio”. – Kate MacCabe, Direttore della gestione prodotti, Rothy’s.

Si integra facilmente nel tuo sito web/nella piattaforma di e-commerce del tuo sito web

Dovendo fare i conti con priorità aziendali in competizione e risorse informatiche spesso limitate, le aziende cercano un servizio di pagamento che sia semplice e rapido da implementare. Amazon Pay sa come rispondere a questa esigenza, indipendentemente dal fatto che il negozio sia basato su una piattaforma commerciale (ad es. Magento, Shopify, BigCommerce, ecc.) o sia invece stato creato da zero dagli sviluppatori dell’azienda.

Amazon Pay lavora con molti fornitori di servizi, inclusi quelli specifici per l’e-commerce (vedi gli esempi precedenti), i fornitori di servizi di pagamento (ad es. Worldpay), le agenzie (ad es. oneRockwell) e gli sviluppatori professionali. Questi fornitori di servizi aiutano le aziende a implementare Amazon Pay in modo semplice e rapido, affinché i responsabili aziendali possano concentrarsi sull’attività commerciale invece che preoccuparsi dell’integrazione di Amazon Pay.

Un altro valido aiuto arriva dalla documentazione e dai video che si possono trovare su Amazon Pay University. In più, il team dell’assistenza Amazon Pay è sempre disponibile ad aiutare le aziende che hanno difficoltà con l’integrazione. I Solution Architect di Amazon Pay, infine, lavorano a stretto contatto con le aziende per gestire le integrazioni personalizzate in modo che il processo sia il più fluido possibile.

“La collaborazione fra Amazon Pay e Big Commerce è incredibile. Ho visto il logo di Amazon Pay nel pannello di Big Commerce, con pochi clic sono riuscito a mettere il pulsante nel mio sito e ho potuto iniziare quasi all’istante ad accettare i pagamenti tramite Amazon Pay”. – Brandon Chatham, fondatore e Amministratore delegato, NatoMounts.

Offre una tecnologia di rilevamento frodi leader nel settore e riduce il rischio di insolvenza

Identificare, gestire e affrontare una frode costa alle aziende dell’e-commerce 5 dollari per ogni dollaro della frode stessa.[4] Nei loro sforzi anti-frodi, le aziende di qualsiasi dimensione si affidano ai fornitori di servizi di pagamento digitali come Amazon Pay.

Per contribuire a ridurre i debiti insoluti e i costi, Amazon Pay propone alle aziende funzioni di prevenzione delle frodi, controlli sui chargeback e procedure di gestione rischi, senza alcun costo aggiuntivo. Inoltre, i consumatori che fanno acquisti con Amazon Pay tendono a essere più affidabili del consumatore medio, riducendo in questo modo le risorse e gli sforzi necessari all’azienda per la verifica avanzata delle transazioni.

“Con Amazon Pay non mi preoccupo più di chargeback o frodi: so che il traffico è legittimo, sicuro. Vorrei che il 100% delle nostre transazioni passasse da Amazon Pay”. – Brandon Chatham, fondatore e Amministratore delegato, NatoMounts.

Offre a te e ai tuoi clienti un’assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Quando sceglie un servizio di pagamento digitale, un’azienda si aspetta che il fornitore offra assistenza prima, durante e dopo l’adozione del servizio stesso. Vuole inoltre che i propri clienti ricevano dal fornitore lo stesso eccellente servizio. Con Amazon Pay, le aziende possono contare su un team di addetti all’assistenza e su funzioni self-service, in ogni fase del proprio percorso.

All’inizio della collaborazione, le aziende ricevono da Amazon Pay un intuitivo manuale di base con tutte le informazioni fondamentali su Amazon Pay. In questo modo, il rapporto tra le due parti inizia con positività e le aziende si preparano al successo. In più, Amazon Pay offre ai clienti esterni ad Amazon lo stesso livello di assistenza che garantisce ai clienti Amazon. I consumatori hanno così la serenità di poter contare su Amazon nel caso in cui qualcosa andasse storto, non solo quando acquistano su Amazon.

Viene offerto da un’azienda nota e affidabile

Secondo un sondaggio condotto da Amazon Pay, i consumatori hanno affermato che la disponibilità di servizi di pagamento digitale conosciuti è il segnale di fiducia numero 1 nei confronti di un sito web.[5] Adottando Amazon Pay, le aziende si associano a uno dei brand che ispirano più fiducia al mondo: Amazon.

Si fidano di Amazon e sanno che i propri clienti fanno altrettanto. Amazon Pay estende la Garanzia dalla A alla Z di Amazon agli acquisti esterni ad Amazon: questo significa che i clienti possono ottenere un rimborso se il prodotto acquistato non è della qualità promessa, oppure se non viene consegnato entro i tempi previsti.

“Le persone non conoscono NatoMounts. Fanno clic su una pubblicità su Facebook o Instagram e arrivano sul nostro sito web. Lì vedono il logo Amazon Pay, che dà loro fiducia sul fatto che le informazioni personali e di pagamento sono al sicuro. Provo questa sensazione quando vedo Amazon Pay su un sito che conosco poco. E so che sarà lo stesso anche per i miei clienti quando visiteranno il mio sito web”. – Brandon Chatham, fondatore e Amministratore delegato, NatoMounts.

Migliora il tasso di conversione

Una ricerca del Baymard Institute mostra che il 70% degli acquirenti online che aggiungono un prodotto al carrello non completa mai l’acquisto.[6] Fra i tre motivi principali di questo comportamento ci sono il fatto che il sito web richieda la creazione di un account e l’eccessiva lunghezza/difficoltà della procedura di pagamento. Le aziende sanno che Amazon Pay può migliorare il tasso di conversione, poiché consente ai consumatori di usare le proprie credenziali Amazon per completare rapidamente il processo di pagamento: nessun account da creare e nessun bisogno di digitare attentamente dati di pagamento e personali.

“Secondo i nostri dati, Amazon Pay ha ridotto gli abbandoni del carrello e del pagamento, specialmente nelle interazioni da dispositivo mobile”. – Matthew Rehm, Responsabile e-commerce, VOLT Lighting.

In Amazon Pay, monitoriamo costantemente le esigenze dei consumatori e delle aziende al fine di migliorare la nostra offerta. Per saperne di più su come possiamo aiutare la tua azienda, segui questo link.

Per iscriverti e iniziare a proporre Amazon Pay come opzione di pagamento ai tuoi clienti, segui questo link.

 

[1] Fonte: sondaggio condotto da Amazon Pay nel 2018 su 2.251 clienti di Amazon negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Germania. I risultati trattati in questo articolo derivano da un esercizio di trade-off che ha testato 35 vantaggi. Il contesto dell’esercizio di trade-off era il seguente: “In questa sezione vedrai un elenco di vantaggi che potresti considerare importanti nella scelta di un servizio di pagamento digitale (come PayPal, Amazon Pay, Apple Pay, Google Pay e così via) rispetto ai servizi di pagamento tradizionali (come carte di credito e di debito, assegni, conti bancari e così via). Nelle prossime schermate ti chiederemo di seguire dei passaggi per assegnare una valutazione all’importanza che attribuisci a questi vantaggi”.

[2] Le caratteristiche principali sono quelle che hanno ottenuto punteggi di importanza superiori al punteggio di importanza medio di tutte le caratteristiche. Tale soglia è stata superata da sette caratteristiche. Sondaggio condotto da Amazon Pay nel 2019 fra 1.529 aziende (che vendono prodotti e servizi ai consumatori (B2C) e/o ad altre aziende (B2B)) degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Germania. I risultati trattati in questo blog derivano da un esercizio di assegnazione delle priorità che ha testato 17 vantaggi. Il contesto dell’esercizio era il seguente: “In questa sezione, vedrai alcune schermate che elencano le caratteristiche potenzialmente importanti per te nella scelta di un servizio di pagamento digitale. In ciascuna schermata dovrai indicare quale caratteristica è la più importante e quale la meno importante nella scelta di un servizio di pagamento digitale. Seleziona la caratteristica più importante e quella meno importante nella scelta di un servizio di pagamento digitale”.

[3] Nell’aprile del 2019, Amazon Pay ha svolto un sondaggio online in doppio cieco fra 10.297 consumatori residenti negli Stati Uniti (US, N=1.898), nel Regno Unito (UK, N=1.399), in Germania (N=1.437), in Francia (N=951), in Italia (N=953), in Spagna (N=951), in Giappone (N=1.468) e in India (N=1.240). Tutti i partecipanti erano panelist di parte terza (non solo clienti Amazon).

[4] Studio Risk Solutions 4 True Cost of Fraud℠ di LexisNexis, luglio 2018.

[5] Nell’aprile del 2019, Amazon Pay ha svolto un sondaggio online in doppio cieco fra 10.297 consumatori residenti negli Stati Uniti (US, N=1.898), nel Regno Unito (UK, N=1.399), in Germania (N=1.437), in Francia (N=951), in Italia (N=953), in Spagna (N=951), in Giappone (N=1.468) e in India (N=1.240). Tutti i partecipanti erano panelist di parte terza (non solo clienti Amazon).

[6] Il tasso di abbandono del carrello è un valore medio calcolato in base a 41 diversi studi in materia: baymard.com/lists/cart-abandonment-rate.