Il Remarketing ha avuto un incremento di popolarità negli ultimi anni, essendo utilizzato da piccoli e grandi marchi in tutti i settori. Questo tipo di campagna PPC permette di mostrare annunci agli utenti che hanno visitato un sito web e che non hanno effettuato alcuna conversione (acquistare un prodotto, compilare un modulo, ecc.). È come dare loro una seconda chance! Ma, quanto costa il remarketing?

Google Display Network, AdRoll, Retargeter o certi social network, come Facebook e Instagram, si distinguono tra le piattaforme più richieste per il remarketing. La sua ampia portata, l’elevato ROI e la segmentazione avanzata aiutano a capire la preferenza degli inserzionisti per questi servizi, soprattutto dal motore di ricerca di Alphabet, che, secondo Think With Google, raggiunge 9 dei 10 utenti esistenti su Internet, con più di un miliardo d’impressioni al mese.

Tuttavia, Facebook non è molto indietro nella lotta per dominare il remarketing. Il social network di Zuckerberg ha più di 2.320 milioni di utenti attivi (gennaio 2019), una gigantesca comunità che triplica la popolazione del continente europeo e quasi il doppio di quella africana. Tuttavia, il prezzo del retargeting su Google e Facebook è diverso. Ora esamineremo separatamente quanto costa il remarketing su ciascuna di queste piattaforme.

Google Remarketing; quanto costa?

Come probabilmente saprai, Google Remarketing fa parte della suite di strumenti pubblicitari disponibili su Google Adwords (Google Ads dallo scorso anno). Il suo scopo è quello di mostrare annunci agli utenti che hanno già visitato il tuo sito, utilizzando il cookie memorizzato sui loro dispositivi di navigazione (tablet, smartphone, ecc.).

Dal momento che Alphabet possiede anche YouTube, gli inserzionisti hanno la possibilità di ritargettare sia su YouTube che sul più famoso motore di ricerca del mercato, Google, che, secondo diversi studi, accumula una quota di mercato stimata intorno al 92%. Di conseguenza, Google Display Network sembra essere un’opzione molto interessante per le aziende B2B e B2C di tutti i settori.

Ma, quanto costa Google Remarketing? Questo è un punto molto importante. Più alto è l’investimento, più basso è il ROI, giusto? Se un annuncio pay-per-click nei loro SERP ha un costo medio di 2-3 dollari, l’annuncio di remarketing risulta più conveniente: tra 0,25 e 0,60 dollari. Questi prezzi si applicano ai click: l’inserzionista paga solo quando l’utente clicca sull’annuncio di retargeting.

Se non si clicca sull’annuncio, non c’è bisogno di pagare, il che ha un beneficio nascosto per l’inserzionista: il richiamo del brand. Sì, è vero che l’utente non ha visitato il sito web, né ha effettuato alcuna conversione. Ma la prossima volta che troverà i prodotti, avrà familiarità con il naming e il branding del marchio. Questo aumenterà le possibilità di effettuare un acquisto o di assumere un servizio in futuro.

Tuttavia, va notato che il costo del remarketing su Google varia a seconda dell’industria. Nella più competitiva, alcune parole chiave possono superare i 6-7 dollari per click, come agenzie di assicurazione o studi legali. Tuttavia, il turismo, l’intrattenimento e altri settori hanno costi per click di 1-2 dollari, quindi richiedono meno investimenti.

Ricordiamo che l’inserzionista paga solo se gli utenti cliccano. Ma questo non garantisce un buon ritorno sull’investimento. L’utilizzo di filtri di conversione, la limitazione della frequenza delle impressioni o l’esecuzione di una segmentazione più profonda (ad esempio, il retargeting con gli utenti che hanno visitato un determinato prodotto o categoria) sono le chiavi per rendere redditizia questa strategia di marketing.

Facebook Remarketing; quanto costa?

Facebook Remarketing è uno degli strumenti pubblicitari più utilizzati sul social network di Zuckerberg, dal lancio di Facebook Ads nel novembre 2007, tre anni dopo la creazione di questa piattaforma. A causa dei molti vantaggi di Google e YouTube, si potrebbe pensare che Facebook non ha nulla a che fare con Alphabet.

In realtà, Facebook Remarketing piace molto agli inserzionisti, soprattutto dopo l’acquisizione d’Instagram nel 2012 per 1 miliardo di dollari. È possibile ritargettare su Facebook e Instagram, due social network che danno vita a una comunità incredibilmente ampia.

Con l’aiuto di Facebook Pixel, gli inserzionisti possono identificare gli utenti che hanno abbandonato un sito web, inserirli in una lista di retargeting e inviare loro pubblicità relativa a prodotti e servizi che hanno già visitato senza conversioni.

Non esiste un’unica risposta alla domanda su quanto costa Facebook Remarketing. Secondo i dati di Hootsuite, il CPC di Facebook è di circa 0,20-0,30 dollari per click, mentre il CPM (costo per mille) è di oltre 7 dollari. La qualità degli annunci dei concorrenti, così come la competitività del settore, può anche rendere il costo per click più o meno costoso.

Facebook Remarketing offre due modi per destinare un budget a una campagna pubblicitaria. Vale a dire:

  • Budget giornalieri: in questo caso, l’azienda fissa il limite d’investimento in diversi annunci e campagne per 24 ore. Questa opzione è ideale per distribuire meglio il budget disponibile in un determinato periodo di tempo, eliminando così il rischio di esaurirlo prima del previsto.
  • Ad set budget: in questo caso, le aziende non fissano limiti giornalieri, ma segnano l’importo totale da spendere per una serie di annunci in un periodo di tempo.

Dopo aver chiarito quanto costa il remarketing, possiamo concludere che questa è una delle strategie pubblicitarie più interessanti per gli inserzionisti.