Sebbene le carte di credito siano attualmente il metodo di pagamento preferito dai consumatori online (il 42% preferisce questo metodo), il pagamento elettronico non è molto indietro, rappresentando il 39%, secondo i dati di Statista. La sua importanza sarà maggiore nei prossimi anni, ed è per questo che l’e-commerce guarda da vicino piattaforme innovative come Razorpay.

Le prospettive di crescita per i pagamenti online sono eccellenti. Secondo uno studio di Capgemini pubblicato su CNBC, il volume dei pagamenti digitali effettuati nel mondo raggiungerà i 726 miliardi di dollari nel 2020. In questo contesto, in risposta alla crescente domanda di pagamenti online, sono emerse molte piattaforme di pagamento mobile innovative: Payza, Android Pay, Bizum, Apple Pay, Twyp, ecc.

Il canale di pagamento di Razorpay è uno dei più ambiziosi del settore. I suoi fondatori, Harshil Mathur e Shashank Kumar, hanno avuto il supporto di giganti come MasterCard, Tiger Global o Matrix Partners, quindi abbiamo a che fare con una piattaforma che fin dalla sua nascita ha dimostrato il suo valore, qualità e importanza per il futuro di questo settore.

Ma quali sono i vantaggi di Razorpay rispetto ai suoi concorrenti? È una piattaforma sicura? L’integrazione con iOS e Android è semplice? Può essere utilizzata tramite dispositivi mobile? Quali servizi offre agli sviluppatori e ad altri professionisti e-commerce? Di seguito risponderemo a queste e ad altre domande di interesse.

Cos’è Razorpay e perché sempre più e-commerce decidono di implementarlo?

Non tutti i fornitori di pagamento online sono americani o europei. L’Asia si è unita alla lotta per dominare questo settore, con diverse piattaforme e servizi che hanno poco da invidiare a PayPal, Payoneer o Skrill. Se il Giappone ha Line Pay e la Thailandia ha Omise, l’India ha Razorpay, un’interessante soluzione di pagamento online che ti permette di ricevere ed effettuare pagamenti in modo rapido, sicuro ed efficiente.

Con sede centrale a Bangalore, in India, Razorpay è nata con l’obiettivo di consentire alle aziende e al commercio elettronico di accettare ed elaborare i pagamenti tramite API. La sua tecnologia e UX è focalizzata sul miglioramento della user experience, per ridurre al minimo gli attriti nei processi di checkout, responsabili degli alti tassi di abbandono dei carrelli nel commercio elettronico (70-80%, secondo vari studi).

Il canale di pagamento Razorpay è compatibile con carte di credito e di debito, bonifici bancari e ewallet così popolari come Mobikwik, Airtel Money o PayZapp, tra gli altri. Razorpay può anche essere integrato in applicazioni web e smartphone.

Per quanto riguarda il funzionamento di Razorpay, questa piattaforma fornisce un’API alle aziende, con processi di integrazione molto semplici per i loro sviluppatori. Grazie a questa API, l’accesso al checkout di Razorpay e le operazioni di pagamento online viene facilitato, grazie a tutti i metodi di pagamento disponibili: carte di credito/debito, ewallets, ecc. La sua compatibilità con le principali piattaforme di e-commerce e con i sistemi e sviluppi di back-end rendono Razorpay decisamente attraente.

Inoltre, Razorpay non aspira ad essere un clone di molte altre piattaforme di pagamento online. Comprende diverse caratteristiche e funzionalità che sorprendono per la loro innovazione. Un buon esempio sono i Payment Links, link che possono essere condivisi via SMS, e-mail e altri sistemi di messaggistica e che facilitano la ricezione dei pagamenti.

D’altra parte, l’invio e la ricezione di fatture compatibili con GST è facile e veloce su Razorpay. In più, grazie alla presenza di link di pagamento integrati nelle fatture, le transazioni commerciali sono più veloci, convenienti ed efficienti.

Per le aziende e gli e-commerce più scettici verso Razorpay, questa piattaforma offre un’opzione di test mode, che permette di utilizzare tutti i suoi servizi e verificarne la qualità prima di decidere di implementarla definitivamente.

Razorpay in profondità: 5 caratteristiche molto interessanti di questo innovativo epayment

Accettare e inviare pagamenti internazionali attraverso Razorpay in modo rapido ed efficiente non è l’unico vantaggio di questa piattaforma. Le sue caratteristiche più interessanti includono processi di checkout di alta qualità, un pannello di controllo con ottima usabilità o la facilità di integrazione con Android e iOS. Di seguito, questi e altri attributi di Razorpay verranno discussi più in dettaglio:

Checkout veloci, visivi e facili da integrare

Razorpay offre checkout con un design visivo, chiaro e intuitivo, che sono uno dei principali punti di forza di questo epayment. Si distinguono per la facile integrazione: basta una sola linea di javascript per implementarli in qualsiasi e-commerce.

Da un punto di vista tecnico, la sua alta qualità significa che non sono necessari reindirizzamenti per effettuare i pagamenti (come accade con PayPal, ad esempio). Il processo inizia e finisce sulla pagina dell’e-commerce, senza fastidiosi reindirizzamenti verso altri siti web. Solo in pochi casi si apre una finestra pop-up, ma i clienti rimangono sul sito dell’e-commerce.

Come se non bastasse, i checkout del canale di pagamento Razorpay sono compatibili con il protocollo 3-D Secure, progettato in XML per offrire maggiore sicurezza nelle transazioni monetarie online attraverso carte di credito e di debito. Come sarà spiegato più in avanti, la sicurezza e la privacy occupano un posto di rilievo in Razorpay.

Molteplici Modalità di pagamento

Altro degli attributi più importanti di Razorpay è la sua vasta gamma di metodi di pagamento. La causa principale dell’abbandono del carrello è un basso numero di opzioni di pagamento, il che ha un impatto negativo sull’esperienza dell’utente, danneggiando così le vendite dell’e-commerce.

I creatori di Razorpay hanno tenuto in considerazione questo fatto nell’offrire molteplici opzioni di pagamento. Questa piattaforma funziona efficacemente con le seguenti opzioni:

  • Carte di credito e di debito. Come accennato in precedenza, credito e debito continuano ad essere i metodi di pagamento più utilizzati, e quindi non potevano mancare tra le opzioni disponibili su Razorpay.
  • Bonifici bancari. Razorpay permette di ricevere pagamenti attraverso più di 50 entità bancarie internazionali, un numero sorprendente anche per un epayment di altissimo livello.
  • eWallets. Con Razorpay è possibile ricevere i pagamenti dei clienti attraverso i principali wallet virtuali del mercato. MobilKwik, Airtel Money, OlaMoney, Amazon Pay, FreeCharge o PayZapp sono tra gli ewallets accettati su questa piattaforma.
  • Unified Payments Interface (UPI). Le aziende e i brand europei e americani non hanno familiarità con i pagamenti UPI, un sistema di pagamento istantaneo in tempo reale sviluppato dalla NCPI (National Payments Corporation of India) e approvato dalla Reserve Bank of India.
  • Equated monthly installment (EMI). Questa modalità consente ai clienti di pagare un servizio a rate mensili in modo semplice e sicuro. Le ONG e alcune società di servizi saranno soddisfatte con questa opzione di pagamento di Razorpay.

Facile integrazione nei dispositivi mobile

Diversi rapporti e statistiche hanno dimostrato che il traffico mobile supera già il traffico proveniente dai computer. Questi utenti stanno diventando sempre più importanti nel commercio elettronico, ed è per questo che l’integrazione di Razorpay in iOS e Android è particolarmente brillante. Gli SDK utilizzati da questa piattaforma si distinguono per il loro peso ridotto (circa 100 KB), con aggiornamenti automatici e altre caratteristiche interessanti.

Commissioni e tariffe molto competitive

Oltre ad offrire un servizio di prima classe, Razorpay si distingue anche per avere commissioni e tariffe molto competitive, adatte alle esigenze di startup, piccole aziende e giganti dell’e-commerce. Tra i piani disponibili su questa piattaforma, possiamo citare:

  • Standard Plan. Pensato per i business emergenti e le piccole e grandi aziende, questo piano prevede commissioni del 2% per transazione nel caso di utilizzo di carte di credito e di debito in India, pagamenti UPI ed ewallets come Freecharge e Mobikwik. Per quanto riguarda invece l’utilizzo di carte di debito/credito internazionali, la commissione per transazione è superiore, pari al 3% per operazione.
    Le caratteristiche più importanti del piano standard includono il supporto via chat ed e-mail, il checkout JS, le API per sviluppatori, l’SDK mobile, il canale di pagamento con dashboard e le opzioni di pagamento internazionale, tra gli altri.
  • Enterprise Plan. Pensato per aziende e multinazionali con un elevato volume di pagamenti, Razorpay ha progettato il enterprise plan, con prezzi personalizzati che si adattano alle esigenze di vendita e di pagamento di ogni cliente.
    Tra le principali caratteristiche dell’Enterprise Plan, si differenzia dallo Standard nell’Assistenza Urgente 24×7, l’attivazione online in 24 ore e altri vantaggi pensati per le grandi aziende, oltre ai vantaggi menzionati nel precedente piano.

Un dashboard molto pratico

Per molti, il pannello di controllo Razorpay è uno dei grandi punti di forza di questa piattaforma. Permette di gestire ogni pagamento singolarmente, accedere a statistiche chiave e rivedere metriche e statistiche importanti. Attraverso questo dashboard è anche possibile elaborare i rimborsi e svolgere altre funzioni in modo semplice, grazie ad un’interfaccia molto intuitiva, che ricorda il dashboard di WordPress e altre piattaforme simili.i.

Razorpay e il suo supporto e servizio clienti

Non sorprende quindi che BMW, Pizza Hut, Zoho, Mercedes-Benz, Airtel e altre marche e società note utilizzino Razorpay. Siamo davvero di fronte a una delle piattaforme più importanti della sua nicchia di mercato. Tuttavia, avere un buon prodotto o servizio non è una garanzia di qualità, in quanto la sicurezza, l’assistenza e altri aspetti sono di fondamentale importanza.

Il servizio clienti di Razorpay è eccezionale. Il centro di documentazione e risorse per gli sviluppatori è molto completo e utile. La pagina delle FAQ fornisce una risposta chiara a decine di domande relative al servizio. Indubbiamente, queste risorse informative risparmiano sforzi al personale di vendita, che è comunque disponibile per qualsiasi consultazione attraverso i seguenti canali:

  • Modulo web. Nella sua pagina di supporto (razorpay.com/support) è possibile trovare una serie di opzioni per risolvere dubbi, domande e problemi: Track refund status, File a grievance e Raise a request. Quest’ultima opzione ci permette di effettuare una richiesta personalizzata, alla quale si dovrebbe rispondere in un breve periodo di tempo. Il servizio clienti di questa piattaforma è attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
  • Contatto telefonico. Attraverso il numero verde 1800-123-123-1272 è possibile contattare il team Razorpay.
  • Livechat di Razorpay. Al momento dell’accesso al sito web di questa piattaforma (razorpay.com) vedremo in basso a destra il testo ‘”How can we help?” accompagnato da un’icona sotto forma di speech bubble. Cliccandola è sufficiente per parlare con lo staff di Razorpay attraverso questa veloce modalità di contatto, sviluppata da HelpNinja.
  • Contatto nei social network. Razorpay ha profili su Facebook e Twitter, il che significa che le parti interessate possono contattarli direttamente attraverso i loro sistemi di messaggistica.

Inoltre, Razorpay incoraggia le aziende e i marchi interessati ai suoi servizi a visitare il suo ufficio fisico a Koramangala. Ciò dimostra la trasparenza dei suoi creatori e la loro intenzione di stabilire legami più stretti e più umani con i loro clienti.

È Razorpay un metodo di pagamento sicuro?

Gli attacchi informatici sono diventati una minaccia costante per le aziende e l’e-commerce. Alla fine del 2012 PayPal ha ricevuto una serie di attacchi da parte di attivisti appartenenti al gruppo Anonymous, causando perdite stimate pari a 3,9 milioni di euro. Se un gigante come PayPal può essere vulnerabile agli attacchi informatici, possiamo aspettarci che Razorpay sia infallibile? La risposta più onesta è no, perché non esiste un canale di pagamento infallibile.

Tuttavia, Razorpay supera brillantemente la sezione sulla sicurezza informatica. Tutte le transazioni sono protette durante tutto il processo di invio/ricezione del pagamento. Le informazioni sulle carte di credito e i dati personali, ad esempio, vengono inviati ed elaborati attraverso un sistema certificato PCI DSS tramite HTTPS. Questo è un vantaggio per gli e-commerce che non hanno protezione HTTPS, poiché Razorpay apporta loro un valore aggiunto.

Inoltre, questa piattaforma informa i propri clienti che un team di sicurezza interna lavora esclusivamente per garantire la sicurezza di ogni singola transazione. Grazie a queste ed altre misure di sicurezza, Razorpay è conforme al PCI DSS (Payment Card Industry Data Security Standard) Livello 1, che dimostra l’elevata sicurezza di questo canale di pagamento.

Pertanto, Razorpay è sicuro, e il processo di creazione di un account si distingue per la sua semplicità, come verrà rivelato di seguito.

Come creare un account su Razorpay in 3 semplici passi

La registrazione al canale di pagamento Razorpay è un processo molto veloce, che può essere completato in pochi passi. Grazie alla possibilità di effettuare un test senza impegno, l’e-commerce interessato avrà l’opportunità di verificare la qualità senza compromessi. La registrazione avviene in 3 semplici passi:

  • Passo 1. Dopo l’accesso a Razorpay (razorpay.com), faremo scorrere il puntatore del mouse sopra il pulsante “Sign Up”, che mostrerà un campo per l’email del cliente. Dopo aver compilato questo campo, cliccheremo su “Sign Up”, il che ci reindirizzerà ad una seconda pagina.
  • Passo 2. In questa seconda pagina, dovremo compilare i campi con i dati richiesti: Nome e cognome, indirizzo e-mail, ecc. Un’e-mail con un ID univoco verrà inviata alla casella di posta elettronica. Questo ID permette a Razorpay di convalidare la registrazione e darci l’accesso al suo dashboard con una email personalizzata e una password.
  • Passo 3. Nel dashboard, l’ultimo passo è l’attivazione del account. Per esso, andremo al sidebar di sinistra, dove sono le opzioni del menu, e faremo click in Attivazione.

Razorpay, una piattaforma progettata per sviluppatori

Razorpay è una piattaforma che tiene in considerazione gli sviluppatori. Un altro degli aspetti più rilevanti di questa piattaforma è la presenza di documenti e risorse informative, codici SDK e altri servizi che facilitano il lavoro di questi professionisti.

Razorpay offre i seguenti contenuti e risorse ai professionisti dello sviluppo IT:

  • Documenti informativi. In una delle sezioni dedicate agli sviluppatori, questa piattaforma ha una lista di manuali e articoli informativi sull’integrazione mobile in iOS, Andoid o React Native, moduli di checkout, ecc.
  • Risorse SDK e altri codici. Una raccolta di manuali e codici SDK, plugin per l’e-commerce e codici come PHP, Ruby o Python, che facilitano l’integrazione di Razorpay in qualsiasi e-commerce del settore.
  • Razorpay API. Infine, e la cosa più importante, Razorpay ha la propria API (Application Programming Interface). Il suo utilizzo è indispensabile per autorizzare e convalidare praticamente tutte le funzionalità e le opzioni di questa piattaforma, come sistema di protezione che cerca di fornire un ulteriore livello di sicurezza.

Di conseguenza, l’integrazione di Razorpay in sistemi Android, iOS e altri sistemi non presenta grandi difficoltà per i professionisti specializzati in questa tecnologia. Questo vantaggio non deve essere sottovalutato. Quando un’azienda vuole aggiornare la propria struttura e il proprio sistema di pagamento, non solo cerca un rapporto qualità-prezzo ottimale, ma ha bisogno di tutte le agevolazioni possibili.

Oltre a queste risorse informative, Razorpay brilla anche nella sezione di integrazione con centinaia di piattaforme e plugin. Apprezziamo in particolare la sua compatibilità con le piattaforme SDK (Android SFK, Web Integration, iOS SDK, Ionic e React Native), plugin specializzati in commercio elettronico (WooCommerce, Magento, CS Cart, OpenCart, Shopify, Arastta, PrestaShop e naturalmente WordPress) o i linguaggi di programmazione più utilizzati (Ruby, PHP, Java, Nodejs o Python).

La storia dietro Razorpay

I fondatori di Razorpay sono Harshil Mathur e Shashank Kumar, due ex studenti dell’IT Roorkee (Indian Institute of Technology della Roorkee University). Questi imprenditori hanno iniziato questo progetto nel 2013, e due anni dopo hanno raccolto 2,5 milioni di dollari nella loro campagna di finanziamento. Matrix Partners e investitori privati come Justin Kan, Ram Shriram e Kunal Shah hanno fatto la loro parte per far decollare il progetto.

Diverse pubblicazioni, come Bloomberg, hanno fatto eco al successo di Razorpay, considerato una delle più grandi storie di successo delle fintech in India. Grazie alle grandi prospettive di crescita di questa economia in espansione, Razorpay ha un sorprendente margine di sviluppo.

Conclusioni su Razorpay

In breve, Razorpay è uno dei metodi di pagamento più interessanti sul mercato. Tra le chiavi del suo successo c’è la presenza di un team di supporto dedicato ai clienti e alle aziende, con un modo di lavorare trasparente e vicino, in costante contatto con le problematiche e le esigenze del settore dei pagamenti online.

In breve, quali sono i punti di forza di Razorpay? Vediamo:

  • Il suo checkout è esteticamente efficace e facile da integrare. Richiede una sola linea di JavaScript ed è chiaro e intuitivo per i clienti del commercio elettronico.
  • I suoi molteplici metodi di pagamento rendono Razorpay un’opzione molto interessante per l’e-commerce, il quale può ricevere pagamenti con carta di credito e di debito, bonifici bancari e dai principali eWallets, senza dimenticare i pagamenti UPI.
  • Le commissioni del 2% e 3% di Razorpay sono molto competitive, con due piani tra cui scegliere (Standard Plan e Enterprise Plan) che si adattano alle esigenze di ogni azienda.
  • Dal punto di vista degli sviluppatori, Razorpay è una piattaforma molto amichevole. Dispone di un gran numero di manuali e documenti informativi relativi a codici SDK, API, ecc. che ne accelerano l’integrazione per i professionisti della programmazione e dello sviluppo web.

Almeno sul mercato indiano, possiamo prevedere un futuro molto promettente per Razorpay. Secondo un rapporto di Ken Research, l’emissione di pagamenti supererà gli 8.172,7 trilioni di rupie nel 2019. Oggi, questa piattaforma di pagamento lavora a stretto contatto con le banche e i giganti commerciali del proprio paese per portare le transazioni online ad un livello superiore.

Per l’e-commerce internazionale, sarebbe un errore sottovalutare l’importanza di questo mercato o le qualità di Razorpay, un epayment che non ha nulla da invidiare a PayPal.